Cagliari

Cemento amianto nel Poetto di Cagliari. Conclusioni della Commissione di inchiesta comunale

Nel 2012, sulla scorta di alcune segnalazioni e denunce si è riscontrata la presenza di materiali contenenti cemento amianto in matrice compatta nella spiaggia del Poetto di Cagliari, in Sardegna.

Dopo le prime verifiche, l’Amministrazione comunale, d’intesa con gli altri Enti preposti alla vigilanza e al controllo in materia d tutela dell’ambiente e sicurezza della popolazione (ARPA Sardegna, Regione, Provincia, ecc.) ha deciso di chiudere ampie porzioni di spiaggia e avviare le procedure di “bonifica” dell’arenile, che sono state effettuate per lotti. Sulla circostanza che non si sia, di fatto, trattato di bonifica ma di semplice rimozione di materiali contenenti amianto (MCA) è ritornata anche la Commissione di inchiesta istituita ad hoc su istanza di alcuni consiglieri comunali di Cagliari.

A tal fine nel 2012 è stata indetta una procedura urgente per l’affidamento dei lavori di rimozione dei materiali contenenti fibre di amianto, presumibilmente dovute alle attività di demolizione dei “casotti” avvenuta molti anni orsono e che non vennero, evidentemente, condotte con la necessaria perizia, attenzione e prudenza. Inoltre, allo scopo di monitorare lo stato dell’ambiente, è stata affidata a una ditta specializzata e in possesso della necessaria strumentazione, l’incarico di eseguire rilievi strumentali della qualità dell’aria, allo scopo di verificare l’eventuale presenza di fibre aerodisperse e consentire di attuare, se del caso, le necessarie azioni correttive ai lavori e comunque al fine di garantire  assicurare la massima tutela della salute pubblica anche immediatamente dopo la fine dei suddetti lavori; il monitoraggio, difatti, si è concluso nel mese di novembre 2012.

Nel 2012 è altresì istituita una Commissione comunale, presieduta da G. Farris, con lo scopo di seguire i lavori succitati e consentire di informare correttamente la Popolazione sul possibile rischio di esposizione alle fibre e polveri di amianto. La testé detta Commissione d’inchiesta comunale ha di recente predisposto una relazione ufficiale sulla presenza dell’amianto nella spiaggia del Poetto di Cagliari.

In sintesi la relazione dà atto del fatto che gli interventi di rimozione eseguiti nell’estate del 2012 non sono stati sufficienti a eliminare ogni e qualsivoglia elemento o materiale contenente fibre di amianto, cosicché esiste ancora un rischio residuo di esposizione all’agente cancerogeno amianto.

<<Sulla scorta dei lavori effettuati – si legge nella relazione tecnica – la Commissione ritiene – all’unanimità – di poter pervenire alle seguenti conclusioni.

Quanto alle cause della presenza dell’eternit nell’arenile, con ragionevole certezza, sono da ricondursi ai casotti ivi preesistenti. Sul punto, giova ricordare che tutte le coperture dei casotti erano in eternit e, parimenti, la coibentazione delle tubature di scarico delle fosse settiche. A suffragare questa ipotesi soccorrono, altresì, due ulteriori circostanze: che la più parte dei frammenti rinvenuti si presentava eroso (ciò che esclude che il materiale possa essere stato depositato sulla spiaggia in tempi recenti) e che si registra una concentrazione nella fascia prossima alla strada, in coincidenza con i siti in cui maggiore era la presenza dei casotti.

Quanto alla salute pubblica gli Enti preposti e auditi hanno concordemente escluso qualsivoglia pericolo da contaminazione, ritenendo che l’intervento effettuato sull’arenile sia qualificabile come rimozione di rifiuti pericolosi e non come bonifica, precisando inoltre che – in via precauzionale – il monitoraggio dell’area è stato effettuato fino al mese di novembre.

Sotto questo profilo, tuttavia, data la delicatezza degli interessi sottostanti, non possono sottacersi i dubbi manifestati dal rappresentante dell’A.T.I. S.E. TRAND s.r.l. – LAI – FAP, ing. Fabrizio Coni, il quale ha evidenziato che le rilevazioni sono state effettuate a 1,6 metri dal suolo, ciò che pregiudicherebbe una valutazione completa del rischio. Sul punto, la Commissione invita la Giunta ad effettuare le opportune verifiche e ad assumere le relative valutazioni.

Da ultimo, ma non per ultimo, devesi riferire che, gli interventi di rimozione dell’eternit non possono risolversi in un’unica soluzione per la natura stessa della spiaggia, tanto è vero che le prescrizioni della conferenza dei servizi prevedono periodici interventi di rimozione a completamento dell’intervento effettuato nella passata stagione. D’altro canto, è acquisito che la maggiore concentrazione rinvenuta nel lotto A, rispetto ai lotti B e C, già riscontrata dai sondaggi, è da ricondursi alla presenza a ridosso dello stabilimento dell’aeronautica di un’area di accumulo dei residui dei casotti, oltre che alle differenti modalità di lavorazione impiegate. A fortiori, il campionamento effettuato nel lotto B (nell’area ricompresa tra l’Ospedale Marino e la torre Spagnola) ha permesso di riscontrare una importante presenza di frammenti di eternit seppure inferiore al lotto A, mentre i sondaggi effettuati nel lotto C presentano una minore concentrazione di frammenti di eternit.
La Commissione, pertanto, invita la Giunta – con ogni consentita celerità – a effettuare un nuovo intervento di rimozione dell’eternit e di smaltimento in discariche specializzate, operando, previa valutazione con gli Enti competenti, con le migliori tecniche disponibili (leggi Best Available Techniques (BAT), NdA)  ed a minore impatto ambientale, riducendo al minimo possibile la rimozione della posidonia e la possibilità di rottura dei frammenti di eternit, valutando, inoltre, l’opportunità di effettuare il monitoraggio della qualità dell’area durante le fasi di rimozione dei rifiuti dall’arenile>>.

Dott. Ing. Andrea Alessandro MUNTONI

(andreaalessandro@muntoni.it)

Share

TUVIXEDDU. Intervento edilizio in un’area vincolata: i fatti, la causa, il processo, la sentenza

I fatti in oggetto sono relativi al sito di rilevante interesse archeologico e paesaggistico denominato TUVIXEDDU (Italia, Sardegna, Cagliari).

La vicenda riguarda, in particolare, la costruzione, nella città di Cagliari, di nuovi edifici e relative pertinenze in aree localizzate nei pressi della necropoli fenicio – punica di Tuvixeddu.

È forse opportuno ripercorrere le tappe della vicenda sulla scorta degli elementi riportati nella sentenza del TAR SARDEGNA del 20/04/2009 n. 542 che così si può sintetizzare: Edilizia e urbanistica – Vincolo paesaggistico – Bellezze naturali – Autorizzazione paesaggistica del Comune – Annullamento della Soprintendenza – Illegittimo – Fattispecie.

Continua a leggere

Share

Twitter