Modelli semplificati di piani di sicurezza per cantieri

Con l’entrata in vigore del Decreto Interministeriale del 09/09/2014 recante “Modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza (POS), del piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) e del fascicolo dell’opera (FO) nonché del piano di sicurezza sostitutivo (PSS)” si è “consumata” l’ennesima semplificazione in materia di sicurezza; in questo – come in altri casi – la semplificazione va soprattutto a vantaggio delle Imprese e dei Committenti ma non certo della sicurezza per gli addetti.

Le motivazioni che hanno indotto a semplificare gli adempimenti in materia di sicurezza – evidentemente visti e percepiti anche dal Legislatore come “burocratici” – hanno, infine, portato a uniformare i documenti intorno ai quali ruota la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, rendendo di fatto meno vincolanti gli allegati al D.Lgs. 81/2008 che stabiliscono i contenuti minimi dei piani di sicurezza e coordinamento e dei piani operativi di sicurezza.

Da un lato il Legislatore ha la presunzione di semplificare la redazione del POS e del PSC e dall’altra, tuttavia, mantiene inalterati gli obblighi di legge a carico di Datori di lavoro e Committenti.

C’è da chiedersi, in caso di infortunio, se i Datori di lavoro che avevano deciso di redigere il proprio POS secondo il modello semplificato proposto nell’allegato al D.I. 09/09/2014 troveranno, nel Giudice, un soggetto altrettanto ben disposto del Legislatore ad accettare le previsioni uniformate e semplificate di cui al decreto succitato; c’è da aspettarsi, piuttosto, che eventuali carenze del POS derivanti proprio dall’uso del modello semplificato – accettabile sul piano formale – vengano comunque contestate al Datore di lavoro essendo questi responsabile, in ogni caso, dell’obbligo di prevedere e analizzare tutti i rischi per la salute e la sicurezza che possono verificarsi in cantiere. Analisi, quest’ultima, che il modello semplificato rende fin tropo schematica e semplificata, in danno dei lavoratori destinatari ultimi delle norme di sicurezza.

Senz’altro i modelli semplificati saranno stati ben visti dai produttori di software, che trovano in essi – finalmente – un modello legittimato dallo stesso Legislatore; compilando pochi campi e inserendo dati anagrafici che con la sicurezza “vera” hanno poco a che vedere, si ottiene un piano operativo di sicurezza (POS) o un piano di sicurezza e coordinamento (PSC) conforme alla regola dettata dal decreto interministeriale; anche la sicurezza è dunque vista, percepita e trattata come un fardello burocratico.

Il Decreto Interministeriale del 09/09/2014 costituisce una involuzione culturale che trova nell’idea di semplificazione la sua ragione fondante.

Va tuttavia fatto osservare che il Legislatore, all’Articolo 1 del succitato D.I. 09/09/2014 prevede che i datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici possano predisporre il POS utilizzando il modello semplificato di cui all’allegato I al decreto <<ferma restando l’integrale applicazione delle previsioni di cui al Titolo IV del D.Lgs. n. 81 del 2008>>. Pertanto, rileggendo quest’ultimo periodo, sembra che da un lato il Legislatore abbia voluto “accontentare” i fautori dei modelli semplificati e, dall’altro, abbia voluto ribadire che, comunque, non vi sono sconti di pena in relazione alle previsioni del D.Lgs. 81/2008.

Analogo passaggio si rileva all’Articolo 2 con riferimento ai Piani di Sicurezza e Coordinamento, laddove si precisa che i coordinatori possono redigere i PSC utilizzando il modello semplificato di cui all’allegato II al più sopra detto decreto; anche in questo caso il Legislatore si premura di sottolineare che resta ferma l’integrale applicazione delle previsioni di cui al Titolo IV (Cantieri temporanei o mobili) del testo unico sulla sicurezza emanato nel 2008.

Da un lato il Legislatore tende una mano a imprese e coordinatori – ancorché questi ultimi non abbiano davvero bisogno di modelli semplificati, non foss’altro che per il fatto che sono tutti adeguatamente formati, aggiornati e professionalmente competenti in materia di sicurezza – e al contempo nasconde l’altra mano mantenendo lo status quo.

Andrea Alessandro MUNTONI

Share

Lascia un commento

Twitter