Lavoratore somministrato

Lavoratore somministrato. Nuove regole per Somministratore e Utilizzatore

Il decreto legislativo 81/2015, all’articolo 35, comma 4, abroga l’articolo 3, comma 5, del D.Lgs. 81/2008 prevedendo che sia il Somministratore di lavoro ad informare i lavoratori sui rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività lavorative che essi devono svolgere in favore della ditta o impresa presso cui deve operare.

Il succitato decreto legislativo n. 81/2015 che riforma il mercato del lavoro prevede, altresì, che il Somministratore li informi e addestri all’uso delle attrezzature di lavoro necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa per la quale essi vengono assunti, in conformità con le disposizioni del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Tale circostanza, tuttavia, è difficilmente realizzabile in concreto, perché il lavoratore somministrato, con ogni probabilità, sarà chiamato a utilizzare macchine, attrezzature, impianti, dispositivi e sostanze normalmente (sensibilmente) diversi da quelli del Somministratore.
Infatti – come se il Legislatore avesse intuito il problema senza volerlo realmente superarlo – aggiunge che il contratto di somministrazione può, comunque, prevedere che tale obbligo sia assolto dall’Utilizzatore. L’Utilizzatore, pertanto, dovrà – ex lege – osservare nei confronti dei lavoratori somministrati tutti gli obblighi di prevenzione e protezione che derivano dall’integrale lettura del Testo Unico per la Sicurezza (D.Lgs. 81/2008) e dal contratto collettivo nazionale o di comparto applicabile.

In definitiva, risulta ABROGATO l’art. 3 (Campo di applicazione), comma 5, del D.Lgs. 81/2008, che così recita: “Nell’ipotesi di prestatori di lavoro nell’ambito di un contratto di somministrazione di lavoro di cui agli articoli 20 e seguenti del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e successive modificazioni, fermo restando quanto specificamente previsto dal comma 5 dell’articolo 23 del citato decreto legislativo n. 276 del 2003, tutti gli obblighi di prevenzione e protezione di cui al presente decreto sono a carico dell’utilizzatore”.

Ad ogni buon fine si riporta il testo dell’articolo 35 (Tutela del lavoratore, esercizio del potere disciplinare e regime della solidarietà), comma 4, del D.Lgs. 81/2015: <<Il somministratore informa i lavoratori sui rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività produttive e li forma e addestra all’uso delle attrezzature di lavoro necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa per la quale essi vengono assunti, in conformità al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. Il contratto di somministrazione può prevedere che tale obbligo sia adempiuto dall’utilizzatore. L’utilizzatore osserva nei confronti dei lavoratori somministrati gli obblighi di prevenzione e protezione cui è tenuto, per legge e contratto collettivo, nei confronti dei propri dipendenti.>>

Andrea Alessandro MUNTONI

Share

Twitter